venerdì 27 novembre 2009

Tortino dell'Orto

La prima volta che avevo preparato questo composto ci avevo fatto le polpettine ed erano venute buonissime però andavano fritte, questa volta ho preferito evitare il fritto e ho fatto un tortino, direi che è buono lo stesso, visto che ce lo siamo spazzolato tutto!!! Per chi invece volesse fare le polpette consiglio l’impanatura con la farina di mais macinata finemente (assorbe meno grassi rispetto al normale pane grattato.P.s. accompagnato con della peperonata è buonissimo, il caso ha voluto che l’avevo da finire di consumare, e allora ho provato un pezzo di peperone insieme ad un pezzo di tortino……ci sono arrivata in fondo che non me ne sono nemmeno accorta…binomio da ricordare.

Ingredienti:

3 zucchine medio/grandi,
4 cucchiai di fiocchi d’avena,
4 cucchiai di mandorle o nocciole tritate,
3/4 cucchiai di olio extravergine d’oliva per l’impasto,
150 gr. di pancarrè o di pane casalingo posato,
200ml. di latte di riso o di soia,
1 porro grande tritato finemente,
sale,
curry o altre erbe aromatiche,
pane grattato.

Preparazione: tritare le mandorle e i fiocchi d’avena, quindi lavare e asciugare le zucchine e tritarle finemente,e tritare finemente anche il porro, poi si mescola tutto e due in un recipiente. Scaldare il latte senza farlo bollire e lasciarci il pane in ammollo x 20 minuti, quando è raffreddato aggiungerlo al trito di verdure insieme all’olio, il sale, una punta di curry. Mescolare bene il composto, stenderlo in una teglia leggermente unta, una spolverata di pane grattato sulla superficie e cuocere in forno x 50 minuti a 180°. Si rapprende raffreddandosi, e comunque è più buono tiepido che caldo.

lunedì 2 novembre 2009

Biscotti Integrali di Sesamo

I biscotti integrali sono consigliati per chi ha problemi di stipsi in quanto contengono fibre, sostanze che aiutano a digerire gli alimenti. Ottimo come rompidigiuno per la merenda dei bambini. Si possono, con le diverse formine, realizzare forme divertenti e fantasiose, io ho stellina e mezzaluna, che romantica!!!!!
Ingredienti per 8 porzioni :
120gr. di fiocchi d’avena,
150gr. di farina integrale,
5 cucchiai di sesamo,
1 cucchiaio di cumino,
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
1 bicchiere d’acqua (circa 200ml),
1 pizzico di sale,
1 pizzico di coriandolo in polvere,
3/4 cucchiai di malto di riso,
1 cucchiaio di zucchero di canna,
1 cucchiaio di cacao.

Preparazione: mettere i fiocchi d’avena in una terrina, unire un bicchiere d’acqua, 4 cucchiai di sesamo e lasciare ammorbidire x 1 oretta. Aggiungere l’olio, la farina integrale, il malto, lo zucchero e il cacao. Versare nel frullatore e impastare x 3-4 minuti (oppure eseguire l’operazione con un cucchiaio di legno o a mano, io ho impastato con la macchina del pane). Mettere l’impasto su un piano di lavoro infarinato e, con l’aiuto del mattarello, spianarlo formando un rettangolo dello spessore di 1 cm. e ½. Ritagliare i biscotti nella forma desiderata, cospargerli con il sesamo rimasto, disporli su una teglia da forno leggermente unta e infornare a 200° per 20 minuti. Prima di servire lasciare raffreddare.

mercoledì 28 ottobre 2009

Patate Arrosto Croccantine


Cosa c'è di più buono delle patate arrosto? Con questa ricetta nonostante si usi meno olio risultano croccanti lo stesso, hanno sempre grande successo e sono molto facili!

Tagliare a cubetti delle patate ,ed intanto mettere a bollire dell'acqua.Appena bolle versarci le patate per esattamente 3 minuti.A questo punto scolarle , metterle in una teglia coperta da carta forno e salarle bene ,irrorarle di ottimo olio extravergine d'oliva ,ed infine spolverizzarle abbondantemente con pangrattato. Girarle con un cucchiaio affinche'tutte siano ben ricoperte . Farle riposare cosi'un paio d'ore,dopodiche' cuocerle in forno a 250 gradi finche'saranno belle dorate.


lunedì 12 ottobre 2009

Tortino o Polpette di lenticchie

Finalmente ci sono riuscita!!! Sappiamo tutti le difficoltà che incontriamo quando vogliamo fare delle polpette decenti senza uova, latte e formaggio, dopo diversi tentativi però ho azzeccato la ricetta e mi sono affrettata a scriverla. Con questo composto si possono fare delle polpette saporite oppure per chi è a dieta e non vuole usare troppi fritti basta metterlo nella teglia unta precedentemente con una spolverata di pane grattato sopra e si ritroverà un tortino di lenticchie buonissimo.

Ingredienti :
150gr di lenticchie,
2 patate lesse,
1 carota,
1 fetta di pane raffermo di circa 80gr,
latte di soia o di riso q.b.,
140gr di seitan tritato,
1 scalogno o 1 cipolla,
4/5 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
1 dado vegetale,
5 cucchiai di farina 0,
pane grattato,
sale q.b.

Preparazione : ho cotte le lenticchie nell’acqua con un dado vegetale e un pizzico di sale (l’acqua era circa 3 dita sopra) quando l’acqua è tutta assorbita e le lenticchie sono cotte, le ho lasciate raffreddare diverse ore (raffreddandosi diventano più solide). Ho lessato a vapore 2 patate e 1 carota fatta a pezzi, nello stesso momento ho fatto a pezzi la fetta di pane e l’ho fatto bollire con il latte di riso (non troppo circa 250 ml) … nel frattempo ho fatto imbiondire in una padella con l’olio e due cucchiai di acqua lo scalogno tritato dove dopo pochi minuti ci ho fatto saltare, mescolando bene e salando, il seitan anch’esso tritato. Quando le lenticchie sono fredde si mettono in una terrina si schiaccino bene con una forchetta, ci si aggiungono le patate sbucciate e la carota passate con il passatutto, il seitan con lo scalogno, la fetta di pane che sarà diventata una poltiglia , qualche cucchiaio di farina, 1 cucchiaio di olio d’oliva, sale quanto basta e mescolare bene. Se l’impasto è troppo liquido aggiungere della farina se è troppo solido un po’ di latte di soia o di riso a piacere. Bagnarsi le mani e fare delle polpette che verranno prima passate nel pane grattugiato fine e poi fritte nell’olio bollente. Altrimenti ungere una teglia per fare il tortino in forno e lasciarlo cuocere a 170° x circa 45 minuti o fino a che il pane grattato sopra risulterà imbiondito….toglierlo dal forno, lasciarlo intiepidire, raffreddando si solidifica . Che dire il risultato è ottimo , ed è buono anche il giorno dopo..ci ho messo un po’ per studiarlo, certo la prossima volta sarà tutto più facile…

martedì 6 ottobre 2009

Pasta Frolla

Ciao è con piacere immenso che scriverò, appena il tempo me l'ho permetterà, lo prometto, la ricetta riuscitissima che è la crostata con crema pasticciera e fragole.. prima però posterò la ricetta base sia della pasta frolla vegan che della crema pasticciera...

Ingredienti :
250gr di farina di farro,
100gr. di farina0,
70 gr di fecola di patate,
180gr. di malto di riso,
80ml di olio extravergine d'oliva,
la buccia grattugiata di 1 limone, (o una bustina di vaniglina),
una piccolissima spolverata di cannella,
qualche cucchiaio di succo di mela (o latte di riso ),
un pizzico di sale.

Preparazione : mescolare molto bene a secco le farine, la fecola, il limone grattugiato o la vaniglia, e un pizzico di sale. Al centro poi ci si metterà il malto e l'olio e si comincerà a pizziccottare con le dita per qualche minuto dopodichè si aggiunge un po' di succo di mela (pochi cucchiai) e velocemente si impasta aiutandosi alla fine (le dita saranno tutte appiccicose )con un po' di farina (pochissima mi raccomando proprio una spolveratina, l'impasto deve rimanere molto morbido), si rimpasta ancora un pochino si dà la forma di una palla e di lascia riposare per 1 ora nella parte più bassa del frigorifero. Si stende poi su un piano con il mattarello ad una altezza a piacere (la mia era di circa 7/8 mm.), si unge con un pochino di olio la teglia e si stende a pezzi e si unisce facilmente (essendo morbidissima),dandogli la forma rotonda se la teglia è rotonda, quadrata se la teglia è quadrata.

martedì 22 settembre 2009

Mele Ripiene

Per fortuna che il risultato c'è stato (sono buonissime) perchè ho dovuto fare uno sforzo notevole per studiare questa ricetta che qualche anno fa la mia amatissima sorella aveva fatto ma non si ricordava più gli ingredienti ...dopo un'ora di telefonata siamo riuscite a buttarla giù, che sorpresa non solo sono buone ma scopro che l'abbinamento della mela con questo composto è un vero binomio vincente. Volevo lasciarne una a mia sorella per ringraziarla della pazienza ma .....vorrà dire che le rifarò presto .

Ingredienti :
4 mele golden medio/grandi,
40gr. di biscotti vegan secchi,
70gr. di mandorle sgusciate,
2 cucchiai di marmellata di albicocche senza zucchero,
1cucchiaio e mezzo di malto di riso, per i più golosi 2.

Preparazione: lavare bene le mele, tagliare la parte superiore (farà da coperchio) privarle del torsolo con l’apposito attrezzino o con la punta di un coltellino, fare attenzione a non bucarle . Svuotare le mele della loro polpa lasciando i bordi non troppo sottili (di 1 cm circa e comunque non inferiore a 1/2 cm). Frullare finemente tutti gli ingredienti, le mandorle prima, poi i biscotti, e infine la polpa , mescolarli bene tutti insieme con il malto. Con il composto ottenuto farcire le mele riempiendo lo spazio vuoto coprire con la parte superiore tagliata precedentemente, e mettere i frutti in piedi in una pirofila dove ci si sarà versato un bicchiere d’acqua o chi preferisce un po' di vino dolce. Cuocere in forno precedentemente scaldato a 200° per 45 minuti circa . Si possono mangiare sia tiepide che fredde.

mercoledì 16 settembre 2009

Parmigiana Vegan



Mio marito vegetariano e di Parma non ama le melanzane alla parmigiana perchè dice di sentire troppo l’acido del pomodoro…Ho studiato questa versione vegan e devo dire che la pomarola al posto del passato di pomodoro e la besciamella hanno ammortizzato di molto il sapore un po’ acido del pomodoro e per questo motivo le melanzane sono risultate molto delicate e morbide. Per chi ama i sapori un po’ più forti consiglio di aggiungere, nella pomarola prima di distribuirla, del peperoncino rosso in polvere . Per chi invece ha poco tempo vanno benissimo anche le melanzane grigliate congelate, ricordandosi di toglierle magari mezz’ora prima dell’uso.
P.S. il giorno dopo riscaldate in forno sono ancora più buone.

Ingredienti :
3 melanzane grosse e possibilmente lunghe,
300gr di fagioli cannellini già lessati (vanno bene anche quelli in scatola),
pomarola fatta in casa, besciamella fatta in casa

Pomarola : pelati, 1/2 cipolla, 1 carota a pezzetti, un po' di sedano, un po' di basilico. Tagliare tutto a fettine e mettere in una pentola con un po' di olio extravergine d'oliva, sale q.b. e far cuocere x circa 1 ora. Si passa tutto con il passatutto e si fa ritirare nuovamente sul fuoco.

Besciamella :1/2 litro di latte di soia o di riso, 2 cucchiai di farina 00, sale e un pizzico di noce moscata. Frullare tutto e poi mettere la pastella in un pentolino e portarla ad ebollizione e fare cuocere x qualche minuto, lasciandola piuttosto liquida (ma non troppo).

Preparazione : tagliare a fette nel senso della lunghezza le melanzane, farle di circa 1cm e mezzo di altezza e metterle x 30 minuti in acqua e sale per farle perdere l'amaro. Asciugarle arrostirle sulla piastra (oppure se preferite friggerle in abbondante olio) se fatte alla piastra condirle con olio a crudo e un pizziccotto di sale e mescolarle delicatamente. Prendere i fagioli e frullarli fino a far diventare una salsina , prendere quindi una teglia piccola (più è piccola e più aumentano gli strati della ricetta) si unge con un pochino di olio si mette un leggero strato di salsina di fagioli , uno strato di melanzane, si stende un po' di pomarola e sopra un po' di besciamella, si rimette uno strato di melanzane, fagioli, pomarola e besciamella e così via...alla fine sopra la besciamella si dà una spolverata di pane grattugiato. Si fa cuocere nel forno gà caldo a 180° per 20/30 minuti. Togliere e lasciare un po' raffreddare prima di servire.

martedì 21 luglio 2009

Pasticcini ai fiocchi d'avena

Per questa ricetta mi sono ispirata alla cucina macrobiotica ricca di cereali e povera di grassi ...ripensandoci non so come abbiano fatto a venire però sono venuti e a mio avviso sono anche buoni...meglio, vorrà dire che mi sentirò meno in colpa se ne mangerò qualcuno di più.

Ingredienti:
100gr. di farina integrale,
100gr. di semola di grano duro,
50gr. di nocciole tostate e tritate,
50gr.di fiocchi d'avena,
2/3 cucchiai di uvetta ammollata,
10 cucchiai di acqua,
8 cucchiai di succo di agave (o malto),
1 cucchiaio di olio di girasole,
1/4 di cucchiaino di cannella in polvere,
2 pizzichi di sale.


Preparazione: mescolare bene gli ingredienti e formare delle palline (io le ho fatte di circa 3cm di diametro e le ho leggermente un po' schiacciate). Disporli in una teglia oliata e infarinata e infornare (nel forno già caldo a 180°) e lasciare cuocere per 30 minuti e non di più ;sempre naturalmente a mio gusto non devono seccare troppo (un po' si rapprendono quando si raffreddano); a chi invece piacciono più secchi si lasciano 10/15 minuti di più nel forno. Sono buonissimi per la pausa té!!!!

giovedì 2 luglio 2009

Baci Rocher

In questi giorni stavo sperimentando delle ricette per dolci che non mi sono riuscite ...allora ho fatto ho fatto che mi sono inventata queste due ricette di BON BON.... sono andate letteralmente a ruba, tanto è vero che mia madre mi ha detto se le preparo per il suo compleanno (per fortuna dico io che non mi vedo così mangiare sotto il naso i cosidetti mignon) . Ero una sviscerata amante dei Ferrero Rocher secondo me questi baci ci assomigliano molto.

Ingredienti:
70 gr. di biscotti secchi vegan,
30 gr. di farina di riso,
250 gr. di nocciole tostate,
50gr. di uvetta ammollata,
2 cucchiai rasi di orzo solubile (quello che si scioglie nel latte),
50/70 ml. di latte di soia o di riso,
2 cucchiai di malto di riso ( o di mais),
60 ml. di olio di girasole

Preparazione: tritare molto finemente i biscotti (devono diventare come una farina, io ho usato il macinacaffè), mettere da parte 20/25 nocciole che inseriremo poi all’interno dei baci, e tritiamo un po’ grossolanamente le nocciole rimaste.A questo punto procediamo con l’impasto: a 100 gr. di questa graniglia un po’ grossolana si aggiunge la farina di riso, la farina dei biscotti, si mescola bene e si continua aggiungendo anche l’orzo solubile, il malto, il latte, l’olio, l’uvetta ammollata e un po’ tritata.Si continua a mescolare bene poi si mette l’impasto nel congelatore fino a che non si sia un pò rassodato.Si toglie e si fanno delle palline (per una migliore riuscita se è il caso inumidirsi le mani ) ricordandoci di mettere all’interno di ognuna una nocciola.Fatta la pallina si impana nella graniglia rimasta . Alla fine le palline le mettiamo dentro un contenitore e nel congelatore(non ghiacciano mai)… il giorno dopo sono ancora più buone.



giovedì 18 giugno 2009

Panzanella

Uno dei piatti tradizionale estivo della mia città è la Panzanella. Fresco, saporito e velocissimo da farsi. Vengono utilizzati gli avanzi del pane casalingo raffermo, dei pomodori maturi, cipolla e basilico fresco.

Preparazione: mettere in ammollo in una bacinella piena di acqua , delle fette di pane per 15 minuti o fine a che il pane non sia ben imbevuto.
Nel frattempo in una insalatiera si tagliano i pomodori a spicchi, la cipolla a fettine sottili, le foglie di basilico tagliate a pezzi grossi. All’ultimo si aggiunge il pane ben strizzato e si condisce il tutto con dell’olio extravergine d’oliva e del sale fino.
A chi piace si può aggiungere anche un po’ di aceto di mele. Mescolare bene e servire.

venerdì 5 giugno 2009

Torta di Pane e Banane

Mi sono ritrovata una montagna di pane raffermo e diverse banane mature.Questa torta è una buona soluzione per smaltire tutti e due i prodotti, rimane un po’ morbida per intenderci tipo torta di semolino ma a me devo dire non dispiace per niente.Una cosa interessante è anche che se viene usato sopratutto il latte di riso (ma anche quello di soia va bene) questa torta non necessita di nessun tipo di zucchero. Una raccomandazione : lasciarla raffreddare prima di tagliarla…secondo me il giorno dopo fredda da frigorifero è ancora più buona.

Ingredienti:
250 gr. di pane integrale (o altro),
50 gr. di uvetta sultanina,
2 banane mature,
2 pere Williams non troppo grosse ( non le avevo allora ho usate 2 mele),
600 ml. di latte di riso,
mezzo cucchiaino di cannella in polvere (facoltativo).

Preparazione: frullare il latte, le pere e le banane e versare il composto sul pane secco tagliato a pezzi piccoli. Aggiungere l’uvetta un po’ ammollata precedentemente e lasciare riposare finchè il pane non avrà assorbito tutto il liquido. Amalgamare bene l’impasto, versarlo in una teglia unta ed infarinata, infornare nel forno già caldo e cuocere per 40 minuti a 180° gradi. Velocissima da farsi.

martedì 19 maggio 2009

Tortino di Tofu agli Asparagi

Avevo del tofu in scadenza e degli asparagi da cucinare…è venuto fuori questo tortino niente male, non contenta ne ho mescolato un quadretto alla lattuga, gnam, gnam, che sapore!!!!

Ingredienti x 2 persone: 200 gr. di tofu , 350 g di asparagi pesati puliti, sale. 1 cucchiaio di lievito alimentare, olio extravergine d’oliva.Per la salsina:1 bicchiere di polpa di pomodoro, 50 g di funghi secchi ammollati in acqua, olio extravergine di oliva, 1 spicchio d’aglio.

Preparazione: preparare la salsa di pomodoro facendo dorare l’aglio in una padella unta d’olio. Aggiungere a fuoco basso la polpa di pomodoro e i funghi, far stringere e togliere dal fuoco. Nel frattempo pulite bene gli asparagi e lessarli in abbondante acqua salata per circa un quarto d’ora. Scolateli e lasciateli piano piano a sgocciolare. Tagliateli poi a pezzettini fino ad arrivare alla parte un po’ dura che deve essere eliminata, poi tritarli nel robot da cucina insieme al tofu (tagliato a strisce) e a un filo d’olio e al lievito alimentare. Versare il composto in una pirofila piccola da forno, leggermente unta di olio, far cuocere per circa 20 minuti a 180 gradi. Servire il tortino accompagnato con la salsa di pomodoro e funghi e insalata.

mercoledì 13 maggio 2009

Il Mio Tahin

Non sempre riesco a trovare il tahin, allora dopo diversi esperimenti sono riuscita a trovare la combinazione giusta con l’aggiunta di semi di girasole che anche loro non scherzano, infatti sono una buona sorgente di vitamine B1, B2, E, D, magnesio (minerale antistress), ferro e contengono numerosi oligoelementi come cobalto, manganese, zinco e rame e non solo…. insomma in casa non dovrebbe mai mancare questa salsina così ricca di elementi importanti… ne ho fatta abbastanza e come si vede nella foto l’ho messa in un barattolo con sopra uno strato di olio per conservarla meglio, ora posso passare a fare più ricette con tahin ne ho una sfilza accantonate!!!!

Ingredienti:
150 gr. di semi di sesamo
100 gr. di semi di girasole
olio di semi di sesamo (o di girasole o di mais) q.b.
1 cucchiaino abbondante di miso.

Preparazione: per fare la crema di tahin in casa il procedimento è molto semplice:si procede come per tutte le creme fatte con i semi (nocciole, mandorle, arachidi, ecc,).si frullano i semi fino ad ottenerne una crema. Andiamo per ordine…allora si inizia con l’ammollare i semi di sesamo e di girasole per diverse ore, poi dopo averli scolati e asciugati con la carta assorbente si frullano aggiungendo il miso e via via l’olio (sconsiglio quello di oliva perché diventa meno delicato) quanto basta per fare una salsina. Però con il frullatore non si riesce a fare la salsina proprio completamente liscia perché rimangono qualche pezzetto di semino (volendo potrebbe andare anche così) però se vogliamo raggiungere la perfezione allora si deve pestare il tutto con il mortaio…..facilissima e buona, da aggiungere in molte ricette al posto del burro.

giovedì 7 maggio 2009

Riso Indiano

Per gli indiani orientali il sapore è la cosa più importante in un cibo, e nel cucinare, mettono così la massima attenzione alle spezie… una di queste è il curry.Il curry è una miscela di diverse spezie fra cui cumino, zenzero, zafferano, coriandolo che si può ormai trovare ovunque e usarlo ogni tanto ci fa ricorderà le atmosfere e i profumi dell’oriente. Questo riso l’ho preparato oggi, sono uscita dall’ufficio un po’ prima apposta…ho mantenuto la versione x 4 persone anche se eravamo solo in due…(mio figlio certe novità non le vuole assaggiare, peggio per lui!!!).Il risultato è che è venuto così buono che ce ne siamo mangiati due piatti a testa io e mio marito, pareggiando così il conto . L’unica variante è che ci ho versato sopra mentre lo cucinavo, un po’ di spumante secco (la cosa non è proprio orientale però ci stava bene) tengo sempre degli spumantini piccoli per l’emergenza, in questo caso ne ho usato solo un pochino e l’altro l’ho bevuto cucinando e mi sono mezza ubriacata considerato che sono astemia!!! Quando sono rientrati i miei non me ne sono accorta cantavo sono rimasti scioccati perché è una cosa che non faccio mai.Per gli indiani orientali il sapore è la cosa più importante in un cibo, e nel cucinare, mettono così la massima attenzione alle spezie… una di queste è il curry.Il curry è una miscela di diverse spezie fra cui cumino, zenzero, zafferano, coriandolo che si può ormai trovare ovunque e usarlo ogni tanto ci fa ricorderà le atmosfere e i profumi dell’oriente. Questo riso l’ho preparato oggi, sono uscita dall’ufficio un po’ prima apposta…ho mantenuto la versione x 4 persone anche se eravamo solo in due…(mio figlio certe novità non le vuole assaggiare, peggio per lui!!!).Il risultato è che è venuto così buono che ce ne siamo mangiati due piatti a testa io e mio marito, pareggiando così il conto . L’unica variante è che ci ho versato sopra mentre lo cucinavo, un po’ di spumante secco (la cosa non è proprio orientale però ci stava bene) tengo sempre degli spumantini piccoli per l’emergenza, in questo caso ne ho usato solo un pochino e l’altro l’ho bevuto cucinando e mi sono mezza ubriacata considerato che sono astemia!!! Quando sono rientrati i miei non me ne sono accorta cantavo sono rimasti scioccati perché è una cosa che non faccio mai.

Ingredienti x 4 persone :
350gr di riso basmati aromatico,
1 cipolla piccola,
1 gamba di sedano,
2 pomodori pelati,
1 cucchiaino di curry,
1 mazzetto di prezzemolo,
1 litro abbondante di brodo vegetale,
5/6 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
una punta di peperoncino in polvere,
un pizziccotto di sale,
una spruzzata di spumante o vino secco.

Preparazione: tritare finemente la cipolla e il sedano e farli soffriggere con l’ olio d’oliva . A parte preparare il brodo vegetale (con due dadi vegetali o con 5 abbondanti cucchiaini di brodo vegetale in polvere che quello che normalmente uso io). Quando cipolla e sedano sono pronti unire il riso, un pizzico di sale e la punta di peperoncino e far rosolare un minutino. (A questo punto ho aggiunto lo spumante secco e l’ho lasciato evaporare). Aggiungere un mestolo abbondante di brodo alla volta, mescolando il riso. A meta’ cottura aggiungere i pomodori schiacciati (oppure 2 cucchiai di pomarola)e il curry; mescolare bene, assaggiare e se è sciocco si aggiunge ancora un pò di sale. A fine cottura (dopo 20 minuti circa) aggiungere il prezzemolo tritato, girare per bene e servire. Facilissimo e molto, molto buono!!!

venerdì 1 maggio 2009

Bicchierini di Cioccolato

E’ da diverso tempo che avevo in mente di provare a fare questi bicchierini di cioccolato, alla fine mi sono decisa ho comperato dei pirottini di carta piccoli, un pennello di setola non di animale e del cioccolato fondente e poi mi sono buttata a farli, devo dire con poca convinzione perché pensavo che lavorare il cioccolato fosse molto difficoltoso. Invece sono incredibilmente facili da farsi. Li ho presentato ai miei parenti durante una loro visita e non vi dico la faccia quando ho detto che li avevo preparati io…..il vassoio chiaramente si è vuotato in un attimo, non ne è rimasto nemmeno uno per il mio maritino al suo rientro serale

Ingredienti: cioccolato fondente, pirottini di carta, un pennello.

Preparazione: Sciogliete il cioccolato fondente in un piattino a bagnomaria. Riempite dei piccoli pirottini aiutandovi con un pennello e cercando di fare aderire bene il cioccolato soprattutto sui bordi e con uno strato non troppo sottile (per evitare successivamente la loro rottura) e metteteli subito nel frigo per circa 1 ora. Controllare se ci fossero delle trasparenze o buchi eventualmente intervenire tamponando con altro cioccolato fuso e rimettere nel frigo fino al momento che non sono ben sodi. Dopodiché tirateli fuori ed aiutandovi con uno stuzzicadenti, rimuovete la carta sollevando dapprima un piccolo bordo. Fate questa operazione lentamente per evitare che i bicchierini si rompano.. Rimetteteli subito in frigo fino al momento di servire. Riempiteli a piacere. Io li ho riempiti con della mousse di castagne bollite (le ho trovate in un banco anche fuori stagione al supermercato, già pulite e cotte e imbustate sotto vuoto), tofu e succo d’agave frullati tutti insieme…penso comunque che andrebbe bene anche un gelato o una mousse di banana fatta frullando 2 banane congelate a pezzi, 1 cucchiaio di tahin, il succo di una arancia e una punta di cannella in polvere…questa la provo la prossima volta.

venerdì 24 aprile 2009

Sgabei (ricetta Tosco-Ligure)

Mio figlio oggi ha organizzato un pomeriggio in casa con amici, per fortuna che mi ha avvisato in tempo così ho potuto preparare un dolce, questi sgabei e succo di frutta . Manco a dirlo hanno divorato tutto, devo dire è stato un immenso piacere per me vedere questi ragazzi guardarsi un film senza mangiarsi patatine pai e coca-cola.
Gli Sgabei sono una ricetta tosco-ligure che ha origine contadine, le donne friggevano la pasta avanzata del pane trasformandola in un gustoso “pane fritto” croccante, e li portavano all’ora di pranzo agli agricoltori nei campi. Oggi diversi ristoranti della mia zona li preparano e li cucinano per i propri clienti non più a forma di tortello ma di cannellone morbido tipo “bombolone ” per intenderci. Gli Sgabei sono strisce di pasta, dal diametro di circa 4 cm e della lunghezza di circa 10 cm. Vengono fritti in olio extravergine di oliva e quando raggiungono la giusta doratura si servono caldi. Ummm … Favolosamente morbidi!!!!!!

Ingredienti:
500 gr. di farina 0 (zero),
240ml. di acqua minerale naturale,
2 misurini piccoli di sale fino (10gr.),
1 misurino grande di zucchero integrale (10gr.),
3 misurini grandi di olio extravergine d’oliva (circa 50/60 ml.),
1 bustina di lievito disidratato (10gr.)

Preparazione: nella macchina del pane (ma si può impastare anche a mano) metto prima il sale, lo zucchero, l’olio, l’acqua, poi aggiungo la farina e come ultimo il lievito. Faccio andare la macchina fino a che non ha impastato molto bene tutti gli ingredienti. A questo punto la spengo e lascio lievitare fino al pomeriggio dentro il fornetto chiuso. La pasta sarà raddoppiata di volume, la prelevo e comincio a tagliare gli Sgabei…..Dopo questo taglio ho preso ogni cannolo l’ho leggermente allungato con le mani e tagliato in due, li ho poi allineati in fila indiana ……. A questo punto si passa alla frittura, l’olio deve essere bollente …bisogna fare attenzione perchè cuociono in poco tempo e si rischia di dorarli troppo, rigirarli per farli cuocere anche dall’altra parte. Appoggiarli in un vassoio con la carta assorbente e ancora caldi cospargerli di sale fino, caldi sono buonissimi ma anche freddi non sono niente male , comunque difficilmente ne avanza qualcuno BUONI!!!!!!

Fagiolini al Pomodoro Fresco


Con questo sistema di cottura praticamente le vitamine dei fagiolini non vanno perdute perchè vengono messi nel tegame a cuocere crudi e non lessati, io addirittura non aggiungo neanche del brodo vegetale perchè ho scoperto che cuocendoli con il coperchio formano e cuociono nella loro acqua…e rimangono così molto più saporiti.

Ingredienti:
600 gr. di fagiolini puliti,
400 gr. di polpa di pomodoro fresco maturo e sbucciato (più o meno 4 pomodori medi),
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
qualche foglia di basilico,
un pizzicotto di sale fino.

Preparazione: spuntare le punte ai fagiolini, lavarli, scolarli. In un tegame rosolare 3 spicchi di aglio vestiti in 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva, aggiungere i fagiolini, un pizzicotto di sale fino , qualche foglia di basilico e farli rosolare girando spesso con un mestolo di legno, si coprono con un coperchio in attesa che facciano un po’ della loro acqua, lasciare cuocere x 10 minuti ricordandosi ogni tanto di girarli. A questo punto aggiungere la polpa dei pomodori, mescolare il tutto coprire con il coperchio e lasciare cuocere x venti minuti, girare ogni tanto.

martedì 21 aprile 2009

Peperoni alla Caprese

Il problema dei peperoni per molte persone è la loro digeribilità. Non so spiegarmi come mai, trattati così risultano invece digeribili almeno noi li abbiamo digeriti benissimo, bò mistero delle combinazioni…ricetta comunque invitante, sarà che tutto quello che sa di acetino in casa mia va letteralmente a ruba, questi sono stati finiti in unico pasto, non ne è avanzata neanche una briciola!!!

Ingredienti x 4 persone:
4 peperoni verdi,
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
4 cucchiai di aceto di mele,
5 cucchiai di pangrattato,
3 spicchi di aglio,
sale fino.

Preparazione: soffriggere 2 o 3 spicchi di aglio in 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva, aggiungere i peperoni tagliati a pezzettoni e tagliati con le mani, salare e coprire con un coperchio, mescolare di tanto in tanto con un mestolo di legno e far cuocere per circa 15/20 minuti. Dopo aggiungere 4 cucchiai di aceto, lasciare evaporare per circa 1 minuto e togliere gli agli; unire 4/5 cucchiai di pangrattato mescolare e poi spengere il fuoco. Lasciare raffreddare.


sabato 18 aprile 2009

Zuppa di Verdure Provenzale

Poche cose fanno bene, come una bella zuppa di miso caldo, quando magari ci sentiamo spossati, stanchi, senza energia. Questa zuppa di verdure praticamente è un incrocio tra la cucina Mediterranea, la Macrobiotica e la Provenzale con l’aggiunta del pesto.Di pesto ne basta un cucchiaio per darci un sapore diverso sicuramente più invitante. Buona l’ho gradita molto, mi ha dato un senso proprio di qualcosa di molto salutare.Chi volesse imitare mettendoci del Miso ricordo che va aggiunto a fine cottura e non va bollito, siccome è salato non richiede l’aggiunta del sale.

Ingredienti per la zuppa x 4 persone:
200 gr. di fagioli freschi sgranati,
300 gr. di pomodori maturi,
1 carota,
150 gr. di fagiolini verdi,
1 zucchina,
2 patate,
1 cipolla,
1 foglia di alloro e un po’ di trito di prezzemolo,
miso (oppure sale fino),
pepe. Per il pesto: 3 agli tritati finemente, 30 foglie di basilico tritate finemente, 1 cucchiaio di pinoli tritati. A tutti questi ingredienti l’olio extravergine d’oliva, una presa di sale fino e mescolare il tutto.

Preparazione: pulire e tagliare a dadini la carota, la zucchina e le patate; lavare i fagiolini, i pomodori e tagliarli a tocchetti, tritare la cipolla.In una casseruola mettere 2 litri di acqua, aggiungere le verdure , l’alloro il prezzemolo e i fagioli, portare tutto ad ebollizione a fuoco basso e semicoperto, per 1 ora.A fine cottura aggiungere il miso o il sale fino e il pepe. Togliere la casseruola dal fuoco e aggiungere il pesto preparato e mescolare il tutto bene.

venerdì 17 aprile 2009

Zucchine alla Pizzaiola

La prima volta che proposi questo piatto, direi molto ben apprezzato, mio marito mi disse che questo condimento sarebbe andato bene anche per condire la pasta..allora oggi ho raddoppiato le dosi qui sotto e ho condito delle tagliatelle e ho provato anche a fare due tortine con della pasta brisée avanzata, il risultato è stato eccellente in tutti e due i casi. Mi posso considerare soddisfatta perchè trovo sempre difficoltà a proporre le zucchine…consiglio di provarla!!!

Ingredienti x 4 persone:
300 gr. di zucchine,
3 pomodori maturi e sodi,
la punta di peperoncino in polvere,
1 mazzetto di prezzemolo,
1 pizzico di origano (possibilmente fresco),
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
1 spicchio d’aglio,
sale
pepe.

Preparazione:lavare tritare il prezzemolo. Spuntare le zucchine, lavarle, asciugarle e tagliarle a fettine non troppo sottili. Far scottare i pomodori in acqua in ebollizione per 1 minuto, quindi privarli della pelle, dei semi, dell’acqua di vegetazione e tritarli. In un tegame far scaldare l’olio, unirvi lo spicchio d’aglio, sbucciato e leggermente schiacciato, e la punta di peperoncino. Adagiarvi le zucchine affettate e farle rosolare per 15 minuti circa, aggiungervi un pizzico di sale e di pepe appema macinato,mescolamdo di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Trascorso questo tempo, aggiungere i pomodori tritati, un poco di prezzemolo, l’origano e far cuocere a fuoco moderatp per 8/10 minuti. Togliere il tegame dal fuoco, cospargere il composto con il prezzemolo rimasto e servire in tavola ben caldo.

giovedì 16 aprile 2009

Torta di Ceci

Trovo che la combinazione della farina di ceci a quella di mais dia un gusto particolare a questa torta fatta al forno. Mi erano rimaste delle verdure cotte al vapore (fagiolini verdi, patate e carote ) ho pensato di utilizzarle per fare questa torta dall'aspetto di frittata un po' alta. La teglia che ho usato è del diametro 26. A volte invece uso la teglia quadrata e un po' più grande viene un po' più bassa a mio figlio per esempio piace di più. Trovo anche che accompagnata dai piselli sia la combinazione ottimale.

Ingredienti:
400gr. di verdure lessate,
2 scalogni,
6 cucchiai di olio extravergine d'oliva,
200gr. di farina di ceci,
50gr. di farina di mais,
600ml. di acqua,
sale fino.

Preparazione: mescolare a secco le 2 farine e 10 gr. di sale fino, poi aggiungere piano piano l'acqua fino ad ottenere un composto non troppo denso nè troppo liquido, e lasciare riposare per una mezz'ora (se rimangono dei grumi si può sempre frullare tutto con il frullatore ad immersione). Soffriggere gli scalogni in 3 cucchiai di olio aggiungere le verdure lessate con un pizzico di sale fino e lasciarle un po' indorare. Accendere il forno a 200°, aggiungere le verdure alla pastella mescolare con un mestolo di legno e versare il preparato nella teglia unta precedentemente. Cuocere per circa 50 minuti. Aspettare che si raffreddi un pochino prima di toglierla dalla teglia.

mercoledì 15 aprile 2009

Torta di Pane e Frutta

Non esiste niente di più facile di questa torta di frutta, anche la persona meno esperta in cucina potrebbe riuscire a farla. Come tutte le torte fatte con il pane raffermo tendono ad essere morbide tipo semolino per intenderci, anche se raffreddando tendono un po’ ad indurirsi…da consumare comunque al cucchiaio. Può andar bene come colazione, merenda o dolce a fine pasto.

Ingredienti x 6 persone:
150 gr. di pane raffermo,
600 ml. di latte di soia (o altro latte vegetale),
600 gr. di frutta fresca,
4 cucchiai di farina 0 (zero) ,
30 gr. di uva sultanina ,
50 gr. di gherigli di noci spezzettate,
30 gr. di scorza di arancia candita,
4 cucchiai di succo d’agave,
1 bustina di vanillina,
limone bio.

Preparazione: tagliare a dadini il pane, metterlo in una ciotola e coprirlo con il latte freddo. Quando il pane avrà assorbito il latte, schiacciarlo con una forchetta, aggiungere la farina, la buccia grattugiata di 1 limone, l’uvetta ammollata precedentemente, i gherigli di noce, l’arancia candita, la vanillina e il succo d’agave. Mescolare bene il tutto per ottenere un composto omogeneo. Prendere una teglia rivestirla di carta da forno bagnata e poi strizzata, stendere il composto e tagliarci sopra la frutta. Mettere nel forno già caldo a 190° per circa 50 minuti. Tolta dal forno spennellarla con un po’ di malto allungato con l’acqua pe dargli la patina brillante e magari una spolverata sopra di zucchero a velo non ci starebbe male ( per evitare di utilizzare quello in commercio che non si sa cosa ci sia dentro si può sempre macinare a fino con il macinacaffé, un po’ di zucchero integrale biologico). Si raccomanda di farla raffreddare bene prima di toglierla dalla teglia e conservare in frigo. Va servita fredda.

martedì 14 aprile 2009

Spaghetti di Zucchine

La zucchina è un ortaggio ottimo per l’estate e sopratutto per chi è dieta. É infatti ricchissimo di acqua, privo di grassi, con pochissime calorie (11kcal per 100gr) contiene vitamine A, B1, B2, C, PP e vari sali minerali (potassio, ferro fosforo, calcio). Ha proprietà antinfiammatorie, diuretiche, rinfrescanti, stimola le funzioni intestinali e quindi leggermente lassativa. L’estate è la stagione in cui cerco 1 giorno alla settimana di dedicarlo alla dieta crudista, questi spaghetti che ricordano coreograficamente un po’ gli spaghetti di pasta sono buonissimi, veloci e facili da farsi.

Ingredienti x 1 persona:
2 zucchine novelle,
1 pomodoro maturo,
10 gr. di funghi porcini secchi,
olio extravergine d’oliva
sale fino.

Preparazione: mettere in ammollo x qualche minuto i funghi secchi. Lavare le zucchine tagliarle a fette non troppo alte e poi a spaghetto, tritare il pomodoro e i funghi dopo averli strizzati e aggiungerli agli spaghetti preparati, poi condire il tutto con olio e sale.

lunedì 13 aprile 2009

Penne Mediterranee

Il Tabasco è una salsa a base di peperoncini piccanti macerati nel sale e lasciati ad invecchiare per tre anni in botti di quercia, dopodiché si aggiunge aceto e si lascia riposare di nuovo in botte per alcune settimane. In commercio si trovano delle bottigliette di Tabasco piccole da 60ml, molto carine, dentro la confezione ho trovato (ma quanto sarò curiosa?) questa ricetta semplicissima naturalmente ho fatto volentieri la cavia per voi (direte che sforzo ) e l’ho provata subito. Velocissima e molto facile, buona direi anzi buonissima sarà che io quando si tratta di pastasciutta la adoro in tutte le salse… ecco l’unica è che il tabasco essendo molto forte va veramente usato a gocce. Il problema è ora che ci faccio con tutto il resto della bottiglietta? Mi sa che dovrò sforzarmi a inventare nuove ricette che dispiacere eh?

Ingredienti x 4 persone:
400 gr. di penne rigate,
1 scatola di pelati da gr.500,
2 cucchiai di capperi sottoaceto,
50 gr. di olive nere snocciolate,
50 gr. di olive verdi snocciolate,
4 gocce di tabasco, 1 spicchio d’aglio,
1 ciuffo di prezzemolo fresco,
50 ml. di olio extravergine d’oliva,
sale q.b.
Preparazione: fate rosolare in una casseruola l’olio con lo spicchio d’aglio, quando questo si sarà colorito versatevi i pelati, unite il Tabasco e fate cuocere a fuoco moderato per 20 minuti circa. Nel frattempo tagliate a rondelle le olive, scolate bene i capperi dal liquido di conservazione e uniteli al sugo, regolando di sale e continuando la cottura per altri 10 minuti. Fate cuocere la pasta in acqua bollente salata per il tempo necessario e scolatela bene. Quindi conditela con il sugo caldo, completando con un trito di prezzemolo fresco.

Bon Bon Double

Quando ho voglia di dolce ma sono a dieta vi potrà sembrare strano ma mi faccio questi dolcetti, praticamente ne mangio uno e mi sento sazia e coccolata così abbastanza da non strafare . Per mitigare un po’ i sensi di colpa ho aggiunto i semi di lino tritati , bé un sistema anche questo per prendere degli Omega3 così fondamentali per la salute. Sono di facilissima esecuzione li potrebbe fare anche un bambino.

Ingredienti:
70 gr. di biscotti secchi vegan
30 gr. di farina di cocco
280 gr. di nocciole tostate
50gr. di uvetta ammollata (facoltativa)
2 cucchiai rasi di orzo solubile
100 ml. di latte di riso
5 cucchiai di succo d’agave
60 ml. di olio di girasole
30 gr. di semi di lino tritati

Preparazione: Tritare molto finemente i biscotti ,devono diventare come una farina, io ho usato il macinacaffè oppure metterli in un sacchettino di plastica e batterli sul tavolo , mettere da parte 20/25 nocciole che inseriremo poi all’interno dei baci, e tritiamo un po’ grossolanamente le nocciole circa gr. 250 .Ho tritato molto finemente anche il cocco e l’ho aggiunto alle nocciole (lasciarne 30gr. tritate da parte).
A questo punto si aggiunge all’impasto anche l’orzo solubile, il dolcificante, il latte, l’olio, i semi di lino, l’uvetta ammollata e un po’ tritata e si mescola il tutto molto bene. Risulterà un impasto abbastanza sodo .
Si formano allora delle palline dove all’interno avremo messo una nocciola, si arrotolano poi nel cocco disidratato o in un tritato di nocciole circa 30 gr. che abbiamo messo da parte circa. Sono buoni anche tenuti in frigo e serviti freschi.

domenica 12 aprile 2009

Torta Manu

Manu grazie di cuore per avermi ispirato questa torta veramente UNICA!!!!Non essendo cotta al forno e fatta con la panna montata ho dovuto un attimino pensare come fare per presentarla tutta intera…poi però mi è venuta subito in mente di costruirla all’interno di una teglia a cerniera …. infatti dopo averla lasciata per diverse ore in frigo, al momento di togliere la parte laterale della teglia il problema non si è posto per niente ed è rimasta perfettamente intatta. La sua esecuzione non è assolutamente complicata, almeno per chi è abituato a montare la panna, perché per il resto cioè la” base” è veloce e facilissimo. Posso solo dire che ho fatto un figurone come si può vedere dalla foto la torta è veramente un bel vedere ma il sapore è ancora meglio parola di Stella10!!!

Ingredienti:
200 gr. di biscotti secchi,
150 gr. tra datteri,
prugne e albicocche (praticamente ho ripulito i sacchetti che avevo aperti da un po’ di tempo in frigo),
200 ml. di latte di soia,
2 cucchiai di olio di girasole. Questi ingredienti sono per fare la base per il resto abbiamo anche qualche cucchiaio di marmellata di lamponi senza zucchero, 300 gr. di panna di soia Sooyatoo, 300 gr. di yogurt bianco di soia, 5 cucchiai di zucchero a velo, frutti di bosco conditi con 2 cucchiai di succo d’agave.

Preparazione: ho tritato molto bene i biscotti fino a farli diventare come una farina, li ho tritati con il macinacaffè ma si può benissimo metterli in un sacchetto di plastica e poi batterli ripetutamente…poi ho preso la frutta secca (datteri, prugne e albicocche) dopo averla messa per diverse ore in ammollo nell’acqua l’ ho scolata e frullata insieme al latte di soia. Poi ho aggiunto questo frullato ai biscotti e dopo aver aggiunto anche l’olio ho mescolato il tutto molto bene. Non composto rimane dolce e ben compatto. Poi ho preso una teglia a cerniera , ho steso il composto cercando di premendolo e di livellandolo (se l’operazione dovesse rimane un po’ difficoltosa perché troppo appicciccatticcia aiutarsi con un cucchiaio umido di acqua). Ho steso sopra un velo di marmellata e dopo la panna montata insieme allo yogurt come ho già spiegato in questa ricetta http://stellavegan.blogspot.com/2009/04/tiramisu.html Mettere la torta in frigo per molte ore se si prepara il giorno prima ancora meglio, poi al momento di servire guarnire coi i frutti di bosco conditi con u n po’ di succo d’agave

sabato 11 aprile 2009

Spaghetti alla Marinara


Mio marito al contrario di me adorava (ora è vegetariano) i sapori del mare, allora mi sono decisa ad usare le alghe. Ho letto da qualche parte che per chi inizia è consigliabile usare le arame perché fra tutte sono quelle che hanno un sapore più delicato. In effetti il mio terrore che sapessero troppo di pesce (non l’ho mai sopportato) si è dileguato perché dopo il primo assaggio ho deciso di cuocere la pasta anche per me. Veramente un buonissimo primo.

Ingredienti x 2 persone: polpa di pomodoro (o qualche pomodoro maturo), 80 gr. di olive nere, 1 cucchiaio di capperi, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 2 spicchi di aglio, 1/2 peperoncino, olio extravergine d’oliva, 6 gr. di alga arame, 1/2 cucchiaio di shoyu, sale.


Preparazione: ho messo l’arame in ammollo in poca acqua calda x 5 minuti, poi ho aggiunto ancora un po’ di acqua tanta da coprirle leggermente, ½ cucchiaio di shoyu e ho lasciato cuocere x 20 minuti circa fino a che l’acqua è stata tutta assorbita. Si schiacciano due spicchi di aglio e insieme al peperoncino si fanno soffriggere nell’olio. Si aggiunge la polpa di pomodoro, le alghe, si sala e si fa prendere il bollore. Si continua la cottura a calore moderato per circa 1/4 d’ora. A cottura ultimata si elimina l’aglio e il peperoncino e si unisce le olive snocciolate, i capperi tritati, il prezzemolo. Si aggiunge la pasta al dente scolata e si salta per qualche secondo in padella.

venerdì 10 aprile 2009

Cannelloni Ripieni

Che mangiata ragazzi!! La prossima volta però aumento la dose, sono venuti così buoni, così leggeri e digeribili che si sarebbero potuti mangiare anche il doppio. Da riprovare al più presto!!!

Ingredienti x 3 o 4 persone:
12 cannelloni di pasta secca,
750 gr. si spinaci surgelati bio,
1 confezione di panna di soia,
3 cucchiaio di olio extravergine d’oliva,
2 spicchi d’aglio vestiti, sale fino,
besciamella vegetale,
qualche cucchiaio di pomarola,
1 wurstel vegetale da 100 g.

Preparazione: fare rosolare 2 agli con l’olio in una padella, aggiungere gli spinaci, un pizzico di sale fino, poi coprire con un coperchio e fare cuocere x 30 minuti a fuoco medio ricordandosi di girare spesso. A cottura ultimata togliere gli agli e lasciare raffreddare.Quando sono raffreddati tritare gli spinaci, tritare il wurstel aggiungere la panna di soia, assaggiare e se è il caso aggiungere ancora del sale fino e mescolare bene il composto.Servendosi di una sacca da cucina riempire i cannelloni con l’impasto, in una teglia versare alla base della besciamella con qualche cucchiaio di pomarola ,stendere i cannelloni e coprire nuovamente con la besciamella. Cuocere in forno a 180° per quasi un’ora (dipende dal forno) con un piccolo tegame di acqua nel fondo del forno per evitare che i cannelloni si secchino.

giovedì 9 aprile 2009

Soia con Peperoni e Carote

Nessuna premessa per questo secondo... ricontrollando la ricetta mi sembra che sia chiara e non che non necessita di commenti .

Ingredienti:
2 etti di bocconcini di soia secchi,
1 peperone,
1 carota media,
1 cipolla piccola,
peperoncino,
2 agli,
prezzemolo,
olio extravergine d'oliva,
1 dado,
1 cucchiaino di pomito (o di pomarola),
peperoncino,
sale.

Preparazione: a parte si prepara in un pentolino un po' di brodo vegetale quando è pronto si spenge e si fanno riposare per 10 minuti i bocconcini di soia (devono rinvenire). In un tegame un po' grande si fa soffriggere la carota ,la cipolla, gli agli, il peperone tutti tagliati a fettine e il peperoncino, si aggiunge poi una manciatina di prezzemolo tritato ;Quando la cipolla è imbiondita si aggiunge la soia con un po' di brodo poi il pomito, si aggiusta di sale ..si copre il tegame e si fa cuocere per circa 1 ora a fuoco medio. Ogni tanto si aggiunge un po' di brodo non troppo , alla fine il brodo deve risultare ritirato.Ingredienti : 2 etti di bocconcini di soia secchi, 1 peperone, 1 carota media, 1 cipolla piccola, peperoncino, 2 agli, prezzemolo,olio extravergine d'oliva, 1 dado, 1 cucchiaino di pomito (o di pomarola), peperoncino, sale.Preparazione : A parte si prepara in un pentolino un po' di brodo vegetale quando è pronto si spenge e si fanno riposare per 10 minuti i bocconcini di soia (devono rinvenire). In un tegame un po' grande si fa soffriggere la carota ,la cipolla, gli agli, il peperone tutti tagliati a fettine e il peperoncino, si aggiunge poi una manciatina di prezzemolo tritato ;Quando la cipolla è imbiondita si aggiunge la soia con un po' di brodo poi il pomito, si aggiusta di sale ..si copre il tegame e si fa cuocere per circa 1 ora a fuoco medio. Ogni tanto si aggiunge un po' di brodo non troppo , alla fine il brodo deve risultare ritirato.

mercoledì 8 aprile 2009

Testaroli


Sono molto ghiotta di questo piatto, ora poi che ho imparato a farmelo da sola (prima lo comperavo nei negozi) il godimento è raddoppiato, francamente credevo fosse più difficile invece già alla prima mi è riuscito bene, e se mi è riuscito a me che non sono una cuoca esperta vuol dire che è proprio facile Sono molto ghiotta di questo piatto, ora poi che ho imparato a farmelo da sola (prima lo comperavo nei negozi) il godimento è raddoppiato, francamente credevo fosse più difficile invece già alla prima mi è riuscito bene, e se mi è riuscito a me che non sono una cuoca esperta vuol dire che è proprio facile

Ingredienti:
500 gr. di farina0,
700/800ml. di acqua tiepida,
una presa di sale.

Preparazione: sciogliere bene la farina nell’acqua che deve essere tiepida, la farina deve essere versata poco alla volta, se ci si aiuta sbattendo con una forchetta in pochissimo tempo ci ritroveremo una bella pappina liscia, in caso ci rimanessero troppi grumi allora frullare tutto. La pappina che si è formata va lasciata riposare x 10 minuti circa. Si fa scaldare la piastra di ghisa (o una padella antiaderente) e ci si mette una quantità di pappina , tanto da formare una frittata non troppo alta al massimo 1/2 cm. Si fa cuocere da ambo i lati , 5 minuti da una parte e 5 dall'altra , non deve essere troppo cotta deve risultare leggermente colorata. Queste frittelle poi si tagliano a quadrati o rombi di circa 4/5 cm e si fanno cuocere in una pentola riempita con acqua bollente e salata. Cuocciono in pochissimi minuti, si scolano o si tirano sù un po' alla volta con il mestolo bucato e si mettoni in una zuppiera. la sua morte è il pesto che vi trascriverò presto come lo faccio io senza parmigiano .. comunque posso essere conditi anche con il ragu vegetale.BUON APPETTITO!!!!!!!!!!!!!!!!

martedì 7 aprile 2009

Pasta Verde



Oggi il piatto della casa è pasta verde fatta in casa, è un piatto che ricorda un po’ le ricette semplici e contadine di una volta, è facile da farsi e dà molta soddisfazione a noi mamme perché insieme alla pasta i nostri figli possono mangiare anche gli spinaci senza fare nessun tipo di smorfia, anzi chiedendo spesso il bis. Questa volta però avevo finito la farina di semola e ho usato l’unica che avevo in casa e cioè la farina 00 però il risultano non è cambiato di molto.

Ingredienti:
500 gr. di farina di semola di grano duro (o altra farina),
250 gr. di spinaci lessi,
1 pizzico di sale fino per l’impasto,
sale grosso per la cottura degli spinaci,
80 ml. di acqua x l’impasto,
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva.

Preparazione: dopo aver pulito e lavato gli spinaci cuocerli in acqua salata, lasciarli poi scolare. Si procede poi ad impastare tutti gli ingredienti insieme, come si farebbe per qualsiasi altra pasta fatta in casa. Poi si lavora con il mattarello o con la macchinetta e si fanno delle sfoglie di pasta alte qualche millimetro, si stendono poi su di in un panno dove avremo sparso un po’ di farina e si lasciano asciugare una mezz’ora dandoci sopra una sventagliata di semolino o farina. Si procede poi al taglio : si possono fare delle meravigliose tagliatelle come si vede nella foto oppure lasagne quadrate larghe 4 cm x lato. Si cuociono in acqua bollente salata (bastano pochi minuti) e si condiscono con il pesto o con la pomarola.




lunedì 6 aprile 2009

Torta di Pane al Cacao

Ho preparato questo dolce ieri poi l’ho messo nel frigorifero perché freddo è più buono. E’ stato servito oggi dopo pranzo , a dei miei amici, un vero successo!!!! Si può tenere la versione più rustica solo con i pinoli oppure più sofisticata con la panna montata vegetale, quest’ultima versione è una vera libidine!!!

Ingredienti: 200 gr. di pane raffermo, 200 gr. di semola di grano duro, 400 ml. di latte di soia (aromatizzato alla vaniglia meglio ancora), 280/300 ml. di olio di girasole, 3 cucchiai di cacao amaro, 250 ml. di succo di agave, pinoli o panna montata vegetale.

Preparazione: scaldare senza farlo bollire il latte di soia, dopodiché versarlo sul pane fatto a pezzi piccoli e lasciare riposare il tutto per 20 minuti mescolando ogni tanto. Unire alla poltiglia formata l’olio, il cacao e il dolcificante, mescolare benissimo il tutto. Mettere poi il composto ottenuto in una teglia , stenderlo e spargerci sopra una manciata di pinoli. Cuocere per 45 minuti circa a 180°. Sfornare, lasciarlo raffreddare bene, toglierlo dalla teglia e metterlo in frigo. Servire freddo con farcitura di panna montata vegetale.

domenica 5 aprile 2009

Insalata di Orzo


L’orzo è ricchissimo di proprietà curative: è rimineralizzante delle ossa, previene le affezioni polmonari e cardiovascolari, è nutriente e tonico, ed è molto indicato in caso di gastriti, coliti e cistiti. Inoltre facilita la concentrazione e l’attività cerebrale in quanto contiene magnesio, fosforo, potassio, vitamina PP, E, calcio e ferro. L’orzo perlato poi è favoloso lo trovo indicato per tutte le stagioni…questa ricetta è praticamente una insalata di orzo e deve essere tenuta in frigo fino a mezz’ora prima del suo utilizzo.

Gli ingredienti e preparazione : orzo perlato che va lavato bene e poi lessato in acqua salata (io il sale lo aggiungo quasi alla fine della cottura) e scolato ancora un pochino al dente, e lasciato raffreddare nello scolapasta . Quando è freddo si aggiungono i pinoli tritati , il basilico fresco tritato, dei pomodori maturi fatti a pezzi piccoli, sale e olio extravegine d’oliva.Va mescolato il tutto molto bene e messo poi in frigo coperto con una pellicola trasparente.

venerdì 3 aprile 2009

Briseé Semi-Integrale


Continuano gli esperimenti con la pasta briseè questa volta ho usato la farina2 (semintegrale) l’unica differenza dalla ricetta originale è che va aumentato l’olio e un po’ di vino. Praticamente questa è una torta tipo Pasqualina con solo 2 strati di pasta briseè.

Pasta briseè seminitegrale: 300gr. di farina 2 (semintegrale)), 100gr. di olio di mais, 150 gr. di vino bianco secco (con lo spumante secco rimangono ancora più friabili), 1 cucchiaino di sale fino.
Preparazione: è molto facile basta impastare tutti gli ingredienti (ci si può far aiutare anche dalla macchina del pane) fino ad ottenere una pasta elastica e liscia.

Per il ripieno: ho usato fagiolini, carote,patate e cipolla di tropea tutte cotte al vapore. Poi le ho tritate molto bene con la mezzaluna e dopo aver soffritto uno scalogno (tritato finemente) le ho fatte insaporire con 4 cucchiai di shoyu, 1 pizzico di sale fino, 1 punta di curry, 1 punta di peperoncino in polvere. Ho steso con il mattarello un cerchio di pasta briseè che sbordasse un attimino e l’ho steso in una teglia unta precedentemente, l’altezza della pasta deve essere di pochi millimetri…. poi ho depositato sopra il composto ho ricoperto il tutto con un altro cerchio un po’ più piccolo del primo, e poi dopo averlo bucherellato anche questo con una forchetta e chiuso lateralmente aiutandomi con i polpastrelli, ho messo il tortino nel forno già caldo e l’ho fatto cuocere a 180* per 45 minuti (poi dipende dal forno chiaramente). Va lasciata un po’ raffreddare prima di tagliarla. Buon appettito

giovedì 2 aprile 2009

Crema Dolce Semicrudista

Molto dolce anche se fatta di sola frutta !!!, Ottimo come dessert, ma indicatissimo anche come crema da mettere sopra le torte crudiste, l’unico problema sono le calorie quindi da non esagerare con le porzioni.

Ingredienti:
130gr. di purea di castagne lesse
130gr. di fette di banana congelata
1 caco bello maturo.

Preparazione: la sua preparazione è semplicissima mettere nel contenitore del frullatore ad immersione i tre ingredienti e frullare fino a che si è formata la crema.

mercoledì 1 aprile 2009

Spalmabile alla Carota


Questa ricetta è molto facile e velocissima da farsi. La trovo deliziosa un po’ dappertutto sulle gallette di mais soffiato, nei panini al posto della maionese , con le verdure lesse e crude ecc….

Ingredienti: 400gr. di carote pulite (già lavate e raschiate), 150ml. di olio extravergine d’oliva, 100gr. di tofu (quello in panetto), 1 limone spremuto, sale fino.
Preparazione: tagliare le carote a rondelle un po’ spesse e quando l’acqua (salata) bolle metterle giù e lasciare cuocere x 5 minuti (devono rimanere al dente). Scolare le carote e metterle in un contenitore con l’olio, la spremitura del limone, il tofu e un pizzicotto di sale fino. Frullare bene il tutto fino a che non risulti una salsina omogenea.

sabato 28 marzo 2009

Pasta Biscottosa


L’ho chiamata così perché al contrario delle altre paste molto elastiche questa non si stende con il matterello ma con i polpastrelli ed è un po’ più farinosa e friabile. Adatta x torte salate da provare in futuro comunque anche per le dolci.Io l’ho utilizzata per un tortino di verdure… la pasta con questa farina ha un sapore rustico… il tortino che ho fatto mi è piaciuto molto devo dire però che per me è più buono freddo che caldo.

Ingredienti: 300gr. di farina semintegrale, 1 pizzico di sale, 160ml di olio extravergine d’oliva (oppure 150 gr. di margarina), 100ml. di acqua.

Preparazione: mettere la farina e il sale in una ciotola e mescolare a secco.. versare l’acqua in una casseruola aggiungere l’olio e portare lentamente il composto ad ebollizione. Versare immediatamente il liquido sulla farina e mescolare accuratamente con un cucchiaio di legno e poi non appena il composto è abbastanza freddo da poter essere maneggiato, impastare con le mani (ho usato dei guanti sottili) e fare quindi una palla. Se vi sembra troppo asciutta e friabile aggiungere altra acqua bollente. Infornare nel forno già caldo a 180° x 50 minuti.N.B. Non si stende con il mattarello ma direttamente nella tortiera si aggiusta con i polpastrelli. Quando si fa questa operazione il ripieno deve essere già pronto.

martedì 17 marzo 2009

Panna di Soia



Per gli ” amanti del fatto in casa” mi sono inventata di sana pianta questa ricetta perchè non sempre trovo nei negozi la panna di soia biologica e quindi “aiutati che il ciel ti aiuta”; l’ho preparata giusto oggi per mescolarla con della macedonia, combinata con la frutta non è male …..la consistenza c’è tutta ma il sapore ad essere sincera è diverso da quella industriale si sente un po’ troppo il sapore dell’olio…bè ci ho provato e penso che si possa sempre migliorare anzi cuoche carissime si accettano consigli . Morale non è indicata da mangiarsi da sola perchè troppo sostanziosa, però visto che ne ho preparata troppa penso che la proverò in qualche torta magari mescolata con la crema pasticciera tipo la Chantilly vedremo…bando alle chiacchiere ecco la ricetta:

Ingredienti:
latte di soia 100ml. (io uso quello aromatizzato alla vaniglia)
200 ml. di olio di semi di girasole
1 cucchiaio e mezzo di malto di riso o di zucchero
1/3 di banana matura (serve per aumentare la densità)

Preparazione: mettere tutto nel frullatore e frullare (consiglio dentro un contenitore piccolo di circonferenza) fino a che non diventi densa (di solito bastano 30 sec. a seconda del frullatore) io ho usato quello ad immersione.Tutto quà.

domenica 15 marzo 2009

Scaloppine di Seitan

Una ricetta facile, buona e veloce (15 minuti).

Ingredienti:

seitan (prodotto o comprato)
Farina0
Olio extravergine d’oliva
latte di soia
sale fino

Preparazione: tagliate il seitan a fette spesse almeno 1/2 cm, e passatelo nella farina.Fate scaldare una teglia (torna meglio altrimenti ci vorrebbe una padella gigante) un po’ di olio extravergine d’oliva arrosolarci un aglio svestito, toglierlo e aggiungete il seitan impanato precedentemente nella farina. Quando avrà fatto una leggera crosticina rigiratelo metteteci sopra il sale fino e continuate a farlo insaporire anche dall’altro lato rimettendoci il sale anche di quà. Dopo averlo rigirato alcune volte coprire leggermente con del latte di soia e mettere un coperchio.Lasciate addensare il sughetto per pochi minuti, rigirando le fette di seitan 2-3 volte ed è già pronto.Accompagnate con pane integrale e un’insalata mista è un ottimo secondo.

giovedì 12 marzo 2009

Ribollita (Ricetta Toscana)

La ribollita è un piatto povero della tradizione contadina toscana. Si può considerare completo perchè ci sono i carboidrati, le vitamine e le proteine. E’ una ricetta buonissima la consiglio a tutti, ci vuole forse un po’ di pazienza per farla ma ne vale veramente la pena.

Ingredienti:
fagioli cannellini secchi g 400
mezza verza g 300
un cavolo nero g 300
pane raffermo toscano g 300
bietola g 300
1 cipolla
2 patate
2 carote
2 coste di sedano
passata di pomodoro
uno spicchio d’aglio
olio extravergine di oliva
sale
pepe

Preparazione: lessare in 2 litri di acqua fredda, i fagioli già ammollati e salarli a fine cottura. Scolare, passarne metà e rimetterli nell’acqua di cottura, lasciando da parte quelli interi. Rosolare aglio e cipolla tritati in 8 cucchiai di olio e, appena la cipolla è imbiondita, unire due cucchiai di passata di pomodoro, diluita in un bicchiere di acqua calda, carote e sedano sminuzzati, i cavoli e la bietola a listarelle e le patate a fettine; salare, pepare e cuocere per 10 minuti; unire il passato di fagioli con il suo liquido e proseguire la cottura per un’ora.Quando la verdura è cotta, aggiungere il pane a fette, i fagioli interi mescolate bene e fate bollire per altri dieci minuti.Versare in una zuppiera e servire irrorando di olio. Buonissima!!!!!!

martedì 10 marzo 2009

Cous Cous Invernale

Di consistenza più fine del classico cous cous, ma molto ricco di sapore questo cous cous di kamut cuoce in pochi minuti. Devo dire che è un alimento molto versatile può essere servito asciutto con stufati, legumi, verdure salate, con brodo vegetale da aggiungere a piacere, oppure essere utilizzato per la preparazione di polpettine, torte di versura, involtini di cavolo, ecc….

Ingredienti x 4 persone:
200 gr. di cous cous di kamut
300gr. di lenticchie rosse decorticate
1 porro
400ml. di brodo vegetale
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
1 cucchiaio raso di curry
sale fino

Preparazione: tostare il cous cous a fiamma media in un tegame unto di olio d’oliva. Versarvi sopra lentamente acqua calda con poco sale nella misura di 2 tazze per ogni tazza di cous cous. Spegnere e lasciare riposare coperto per 5 minuti. Si procede ora alla preparazione delle lenticchie : tritare il porro molto finemente e farlo rosolare nell’olio insieme al curry, unire poi le lenticchie lavate bene precedentemente, mescolare facendole insaporire. Dopo aver preparato del brodo vegetale, unirne 3 dl. alle lenticchie e cuocere x 20 minuti circa, aggiungendo un po’ di sale e poco brodo per volta non appena il precedente risulterà assorbito. Alla fine le lenticchie dovranno risultare ancora al dente (ame piacciono così) e ben asciutte. Sgranare poi il cous cous con una forchetta, aggiungere le lenticchie preparate e mescolare il tutto con un mestolo di legno. Il cous cous è pronto, buono!!!

sabato 7 marzo 2009

Fagioli Bianchi e Barbabietole



Le barbabietole fanno così bene al sangue e siccome è un periodo che amo molto la combinazione legumi e verdure, ecco un insalata buonissima. Si può utilizzare qualsiasi tipo di fagiolo bianco compresi quelli comuni, i fagioli di Lima e le fave. Sono utilizzabili anche quelli rossi o di altre varietà, ma in questo caso si perde il gradevole contrasto di colore con le barbabietole. E’ un piatto che si può consumare tiepido l’inverno e freddo l’estate accompagnato da qualche cucchiaio di yogurt di soia. Veloce, facile e soprattutto buona!!!


Ingredienti x 4 persone:
2 barbabietole medie cotte
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 cucchiaio di aceto di mele
1 cucchiaio di malto
225 gr. di fagioli bianchi lessati e scolati
2 cucchiai di yogurt di soia

Preparazione: scaldare l’olio e aggiungere le barbabietole tagliate a tocchetti. Unire l’aceto e il malto e continuare a mescolare finché il condimento è ben emulsionato. Versarvi sopra i fagioli, mescolare e regolare di sale. L’estate servire questa insalata fredda e guarnita con yogurt di soia.

mercoledì 4 marzo 2009

Crema Pasticciera di Mandorle

Questa crema è buonissima può sostituire la crema pasticciera nei riempimenti delle torte, nei tiramisù, nelle coppette di dessert ed altro ancora. Visto che non trovo mai il latte di mandorle ho deciso di prepararmelo da sola con un procedimento facilissimo e senza macchina, con lo stesso procedimento possiamo fare il latte di pistacchi, di cocco, di pinoli e con la stessa ricetta farci tutte le relative creme pasticciere. Interessante no?

Ingredienti latte di mandorle:
750ml. di acqua
150gr. di mandorle sbucciate

Preparazione del latte di mandorle: ho tritato un po’ grossolanamente le mandorle e poi le ho ridotte tipo farina aiutandomi con il macinaffé. Ho cominciato mettendo nel mixer la metà dell’acqua e la metà delle mandorle , ho azionato per qualche secondo poi ho aggiunto acqua e mandorle e ho azionato ancora…. e via di questo passo fino a terminare tutti e due gli ingredienti. Il latte è pronto si procede con la crema.

Ingredienti per la crema:
latte di mandorle
200gr. di malto di riso,
50gr. di fruttosio
70gr. di farina 0 (setacciata)
1 stecca di vaniglia
½ buccia grattugiata di limone bio

Preparazione della crema: ho versato in un tegamino circa 600ml. di questo latte, il malto, il fruttosio, 1 stecca di vaniglia e ho portato tutto al punto di ebollizione e poi ho spento e ho tolto il bastoncino di vaniglia (si può lavare asciugare bene e riutilizzare). In un altro tegamino a secco ho mescolato la farina con il latte rimanente ho mescolate bene per togliere tutti i grumi, ho aggiunto il limone grattugiato e poi ho versato il tutto nell’altro tegamino ho riacceso il fuoco e a fuoco moderato ho fatto cuocere sempre mescolando per 5/10 minuti. Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare.