sabato 3 novembre 2012

Torta Dolce di Patate


Mi sono ritrovata in casa una montagna di patate del contadino vicino di casa di mia sorella (prima però mi sono accertata che siano state coltivate senza pesticidi) ; per cominciare ad eliminarle un pochettino, golosa come sono (devo probabilmente a livello inconscio vincere ancora la paura che non si possono fare dolci senza uova), la prima cosa che ho pensato è di fare una torta dolce, pensa che ti ripensa ho buttato giù questa ricetta e mi son detta ma chissà che non venga qualcosa di decente…non solo è venuta decente ma per me che amo le torte un po’ bagnate non troppo asciutte è perfetta , veloce e facilissima..toh chi l’avrebbe detto che si poteva fare una torta con le patate lesse…bella scoperta. Buona!!!! Per quanto riguardo ai dolci senza uova, burro, latte mi sa tanto che posso cominciare a rilassarmi, incomincio ad averne una bella sfilza… però non mi voglio fermare voglio spremere al massimo la mia creatività è troppo ….godereccia ….anche se mi devo dare una calmatina altrimenti i miei 2 chili di troppo quando li butto giù?

Ingredienti :
300 gr. di patate,
170ml di succo di agave o di zucchero,
50 gr. di uvetta,
100gr. di mandorle tritate,
100 gr. di farina0 (zero),
la scorza di 1 limone grattugiata,
1 cucchiaio di olio di girasole,
un pizzico di sale.

Preparazione : lavare bene le patate e cuocerle con la buccia , pelarle e passarle ancora calde al passatutto, aggiungere l’uvetta ammollata precedentemente e tritata, il succo di agave, la scorza di limone, l’olio, la farina e un pizzico di sale. Mescolare molto ma molto bene il tutto per qualche minuto se è il caso aggiungere qualche cucchiaio di latte di soia. Ungere una teglia piccola versarvi il composto, pareggiarlo e informare a 180° per circa 45 minuti, a seconda dei forni. Controllare quando sarà dorata in superficie è pronta. Aspettare che si raffredda prima di tagliarla. P.s. se per caso qualcuno non avesse in casa il succo di agave può sostituirlo con lo zucchero a velo , in questo caso non consiglio di comprarlo perché dentro ci mettono oltre allo zucchero tante altre schifezze, ma di farlo da soli basta tritarlo con il macinaffè o altro fino a ridurlo in polvere finissima.

10 commenti:

  1. E no questa proprio non me la perdo!!
    Grazie

    RispondiElimina
  2. e fai bene.... fammi sapere se ti piace, ciao.

    RispondiElimina
  3. Favolosa, assomiglia alla torta di riso dolce di mio nonna, con questi sapori quanti ricordi, ne è rimasto solo un pezzettino che ho accuratamente nascosto, la rifarò presto.

    RispondiElimina
  4. Questo fine settimana provo a farla anch'io poi ti faccio sapere. Ciao

    RispondiElimina
  5. Stella grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  6. Alessandro Perugi26 ottobre 2009 07:42

    Ho voluto provarla è incredibilmente buona e facile anche per un maschietto ritornato single e poco capace in cucina. Brava!!!

    RispondiElimina
  7. Grazie siete tutti molto gentili, la rifarò presto anch'io mi sono rimaste troppe patate e la cosa non mi dispiace affatto. Un cordiale saluto e un abbraccio

    RispondiElimina
  8. ciao, ho appena scoperto il tuo blog: mi piace!
    come faccio a seguirti? le tue ricette sono qualcosa di diverso....

    RispondiElimina
  9. Ciao randi scusa per il ritardo ma purtroppo per motivi famigliari non posso aggiornare con nuove ricette però se hai la pazienza di sbirciare l'elenco di ricette ce ne troverai di tutti i tipi, dai primi ai secondi e dolci chiaramente tutte vegane. Grazie per la fiducia e modestia a parte sono tutte buone e sopratutto semplici da farsi buon lavoro!!

    RispondiElimina